Fatture per operazioni soggettivamente inesistenti, ai fini della detrazione occorre verificare la struttura del fornitore

adminLe News

Qualora l’Amministrazione finanziaria contesti che la fatturazione attenga ad operazioni soggettivamente inesistenti, ha l’onere di provare, anche in via indiziaria purché sulla base di elementi oggettivi e speci?ci, che il cessionario sapeva – o avrebbe potuto sapere – con l’ordinaria diligenza e alla luce della qualificata posizione professionale ricoperta, che l’operazione si inseriva in un’evasione fiscale: lo ha ribadito la quinta sezione tributaria della Corte di Cassazione con l’ordinanza 13 aprile 2021, n. 34058, depositata lo scorso 12 novembre.

(leggi tutto)

Fatture per operazioni soggettivamente inesistenti